Home — ComunicazioneNews and Press

Poem... quella Malvasia che diventa un poema

Marzo 2012

«Un giorno, intorno al 1990, Fausto Bertozzi, poeta dialettale parmigiano, venne a trovarmi a Monte delle Vigne assieme all’amico Giuseppe Mezzadri. Passammo la giornata a raccontarci di vigneti, di uve e di tradizioni contadine. Degustammo con piacere e alla fine eravamo tutti entusiasti. Pochi giorni dopo Fausto mi mandò una poesia il cui titolo era «Il Monte delle Vigne». Era davvero bellissima e la cosa mi commosse. Questo gesto è rimasto nel mio cuore per tutti questi anni fino a che non ho avuto l’occasione di ringraziarlo: gli ho dedicato un vino. Si chiama Poem ed è una Malvasia ferma in purezza, da quelle uve di Malvasia che sono entrate in produzione in questi ultimi due anni. È’ un bianco immediato, consistente ma composto, con una mineralità e una freschezza che lo rendono piacevolissimo. Sta sui lieviti in acciaio quanto basta per sviluppare complessità e finezza, poi in bottiglia. 13 gradi a dimostrare la maturità del frutto, e profumi di fiori bianchi con miele di acacia a sottolineare il terroir da cui proviene.
Poem , un omaggio ad un poeta…» Andrea Ferrari

"Il Monte delle Vigne" di Fausto Bertozzi

D’un grap che in-t-l’azurr tra il foji là ‘l splenda
pien ‘d gran ch’j àn fat scorta dal sol adl’istè
a pèns che la vida, s’al spicch, la s’ofenda.

Ma no. L’è ‘na mama ch’l’è pu che contenta 
ad darot al lat ch’la da al suo putèn.
‘Na ròza ch’dà al vrèspi al dòls adla smènta.

Al sòl ch’al s’fa succor t’al sènt ch’al s’desfà.
D’in bocca pjanèn al s’ mess’cia in-t-al sanngov
e al ciama un fradèl: al vol un bcòn ‘d pan.

Che Dio al bendissa sta bèla “colèn’na”
ch’la crida in-t-la nèbja, ch’ la ridda col sòl,
vestida d’ avtòn cme gran’ ‘na regèn’na.

E al vèrd e po al giald e tutt sti colòr
ne t’ parni miss lì chi spèton ch’a gh’ poccia
al pnèl, al pu grand di nostor pitòr?

E a t’ god al profumm dal most in t-la tèn’na,
t’ al sènt barbojar….e a t’vedd al capèl
ch’al s’leva a dmandar chi revon la spen’na.

Mo al “Vèn” l’è un miracol, l’è dòls, l’è sincèr,
l’è fat con al còr ch’a scalda la tèra.
Po guardol col sòl cuand brilla al bicèr:

Al spumma contènt, al ridda, al fa il smèli,
al vòl ch’ a t’ al tast, l’è li ch’al te diz:
“Sòn fat mèz ad sòl e mèz con il stèli”.

Gh’è ‘l “Dòls”, a gh’è ‘l “Brussch”, al “Scur” e gh’è ‘l “Ciar”
nasù cme fradè sul “Mònt, là, dill Viggni”
bazè, da mill sècoj, dal’arja dal Tar.

E se, cme stasira, in ca chì da mi,
ataca a un foj bianch, la penna a gh’ò in man 
cme un povor anvèl l’an s’mova dal nì,

a m’ juta un bicèr, bèl pjen ad “Malvasia”,
ch’la frizza, ch’la s’ ciumma, coll bolli ch’a spriccia.
Alora partiss… La me fantazia

la vola lontan cme fa ‘na farfala
da un frut sòra a un fjòr. La scapa in-t-i prè
cme ‘l mat d’un poledor chi gh’ revon la stala.